Informativa e consenso per l'uso dei cookie

Il nostro sito salva piccoli pezzi di informazioni (cookie) sul dispositivo, al fine di fornire contenuti migliori e per scopi statistici. È possibile disattivare l'utilizzo di cookies modificando le impostazioni del tuo browser. Continuando la navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie.

Accetto
Indietro

La Fiera del Cacio al Fuso a Pienza, un week-end tra gusto, tradizione e natura

Il primo fine settimana di settembre torna a Pienza la Fiera del Cacio al Fuso. Giunta ormai alla sua 58° edizione, la Fiera rende omaggio al pecorino, la specialità pientina rinomata per la sua bontà in tutto il mondo.

Passeggiando per le vie del borgo che si affacciano sulle colline della Val d’Orcia, sarà possibile degustare i prodotti dei migliori caseifici e incontrare i produttori, accompagnati da musiche della tradizione locale.
Domenica pomeriggio, nella splendida cornice di Piazza Pio II, le sei contrade della città si sfideranno nel tradizionale Gioco del Cacio al Fuso, il gioco tipico delle veglie contadine, con l’obiettivo di far rotolare la forma di pecorino più vicino possibile al fuso posto al centro dell’anello di marmo disegnato nella piazza.

Un’occasione diversa per visitare la città ideale di Papa Pio II, iscritta dall’Unesco nella lista dei Patrimoni Mondiali dell’Umanità.
A pochi passi da Pienza meritano assolutamente una visita il Castello di Spedaletto, una delle fattorie fortificate appartenute al Santa Maria della Scala di Siena, con uno splendido mulino ancora funzionante, e la Riserva Naturale di Lucciolabella, dove è possibile ammirare le forme erosive dei calanchi e delle biancane tipiche del paesaggio delle Crete Senesi.

Per coloro che si recano a Pienza suggeriamo alcuni itinerari insoliti:

La Via dell'Acqua tra fonti e terme

I luoghi dei Patrimoni toscani lungo la via Francigena

Lungo le strade del Vino

La Toscana da fotografare: punti di vista per scatti mozzafiato

  • Progetto finanziato a valere sui fondi Legge n. 77 del 20 febbraio 2006 “Misure speciali di tutela e fruizione dei siti italiani di interesse culturale, paesaggistico e ambientale, inseriti nella “lista del patrimonio mondiale”, posti sotto la tutela dell’UNESCO”