Informativa e consenso per l'uso dei cookie

Il nostro sito salva piccoli pezzi di informazioni (cookie) sul dispositivo, al fine di fornire contenuti migliori e per scopi statistici. È possibile disattivare l'utilizzo di cookies modificando le impostazioni del tuo browser. Continuando la navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie.

Accetto

Fontebranda

Fontebranda è la più antica fonte  di Siena, citata anche da Dante nella Divina Commedia (Inferno XXX, vv. 76-78). 
All’esterno la fonte presenta tre ampie arcate gotiche ogivali sormontate da merli, mentre all’interno c’è la vasca di contenimento dell’acqua. Alimentata dai bottini, la fonte in origine aveva tre vasche: la prima era per l'acqua potabile, la seconda era utilizzata come abbeveratoio per animali e la terza come lavatoio.

A pochi metri si trova la Porta di Fontebranda, sulla strada che conduce al fondovalle. Edificata intorno al 1257, era dotata di torrione e di rivellino. Oggi si presenta come una semplice apertura nella cinta muraria sormontata da un doppio arco.

Scatti da Instagram

  • Progetto finanziato a valere sui fondi Legge n. 77 del 20 febbraio 2006 “Misure speciali di tutela e fruizione dei siti italiani di interesse culturale, paesaggistico e ambientale, inseriti nella “lista del patrimonio mondiale”, posti sotto la tutela dell’UNESCO”