Informativa e consenso per l'uso dei cookie

Il nostro sito salva piccoli pezzi di informazioni (cookie) sul dispositivo, al fine di fornire contenuti migliori e per scopi statistici. È possibile disattivare l'utilizzo di cookies modificando le impostazioni del tuo browser. Continuando la navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie.

Accetto

Fortezza di Montalcino

Il borgo di Montalcino è patria del vino più conosciuto al mondo e dei suoi abitanti che curiosamente si chiamano Ilciniani, in memoria del Monte Ilcinus, il monte dei lecci, dal quale deriva la denominazione Montalcino. Il borgo fu conteso dalla città di Siena e dalla città di Firenze, tanto che fu necessario costruire una fortezza a protezione del luogo. La fortezza fu realizzata a partire dal 1361 da Domenico di Feo e Mino Foresi, i quali inglobarono la parte delle mura e delle torri preesistenti. Fu progettata non più a forma quadrata classica, ma di forma pentagonale irregolare, con delle torri poste agli angoli delle mura.

La Porta del Cassero serviva per accedere tramite una rampa alla parte superiore dove si trova la Cappella, nella Chiesa di Sant’Egidio. Le torri sono coronate da archetti con merlatura ancora oggi ben conservate. Dalla parte opposta alla Porta del Cassero si apre un portone che accede al Bastione di San Giovanni, la zona più rinforzata della Fortezza, dove si trova un giardino di lecci. Dopo la caduta di Siena e la presa del potere da parte della famiglia Medici, alle mura è stato aggiunto uno sperone di epoca medicea e lo stemma della famiglia fiorentina sulle mura esterne. All’interno vi è un ampio cortile che viene oggi usato per rappresentazioni teatrali, spettacoli ed eventi culturali. La cinta muraria è percorribile, mostrando il meraviglioso paesaggio circostante.

Scatti da Instagram

  • Progetto finanziato a valere sui fondi Legge n. 77 del 20 febbraio 2006 “Misure speciali di tutela e fruizione dei siti italiani di interesse culturale, paesaggistico e ambientale, inseriti nella “lista del patrimonio mondiale”, posti sotto la tutela dell’UNESCO”