Informativa e consenso per l'uso dei cookie

Il nostro sito salva piccoli pezzi di informazioni (cookie) sul dispositivo, al fine di fornire contenuti migliori e per scopi statistici. È possibile disattivare l'utilizzo di cookies modificando le impostazioni del tuo browser. Continuando la navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie.

Accetto

Loggia dei Lanzi

La Loggia della Signoria, conosciuta come Loggia dei Lanzi, è situata in Piazza della Signoria e fu realizzata nel 1380 per ospitare cerimonie e assemblee pubbliche della Repubblica Fiorentina. Edificata da Simone Talenti, nella parte alta della facciata ha quattro medaglioni che spiccano tra le ampie arcate e rappresentano le Virtù cardinali. 
Si racconta che il nome Loggia dei Lanzi risalga all’anno 1527, durante il quale i Lanzichenecchi di Carlo V, diretti verso Roma, vi si accamparono.

La loggia è sicuramente un edificio in stile gotico, ma le tre grandi arcate a tutto sesto testimoniano la nascita del Rinascimento. Si pensa che probabilmente il Brunelleschi prese ispirazione dalla Loggia per edificare lo Spedale degli Innocenti. Fin dal XVI secolo la loggia è un museo all’aperto che custodisce importanti statue come il Perseo di Benvenuto Cellini, che ha nel dietro del viso il proprio autoritratto, il Ratto delle Sabine e l’Ercole con il centauro Nesso del Giambologna.

Fino al 1749 Firenze non seguiva il calendario gregoriano, continuando a festeggiare il Capodanno Fiorentino il 25 di Marzo, giorno dell’Annunciazione. Dal 1 gennaio del 1750, per volere del Granduca Stefano di Lorena, Firenze si uniformò al resto d’Europa; una lapide in latino è posta sotto la Loggia dei Lanzi a ricordo dell’evento.
 

Scatti da Instagram

  • Progetto finanziato a valere sui fondi Legge n. 77 del 20 febbraio 2006 “Misure speciali di tutela e fruizione dei siti italiani di interesse culturale, paesaggistico e ambientale, inseriti nella “lista del patrimonio mondiale”, posti sotto la tutela dell’UNESCO”