Informativa e consenso per l'uso dei cookie

Il nostro sito salva piccoli pezzi di informazioni (cookie) sul dispositivo, al fine di fornire contenuti migliori e per scopi statistici. È possibile disattivare l'utilizzo di cookies modificando le impostazioni del tuo browser. Continuando la navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie.

Accetto

Museo Nazionale di San Matteo

Il Museo Nazionale di San Matteo ha sede nell’antico monastero benedettino di San Matteo in Soarta, costruzione risalente all’XI secolo. Si possono ancora vedere le strutture claustrali del tardo Medioevo sulle quali si aprono delle bifore con capitelli. 
Dal 1866 fino al 1940 il luogo fu il carcere giudiziario di Pisa e vi furono apportate delle grandi modifiche strutturali che in parte snaturarono l’ex convento. 
Oggi all’interno è ospitato il museo, sede della raccolta artistica più grande della città di Pisa, iniziata da Sebastiano Zucchetti e divenuta poi primo nucleo del Museo Civico.

Il museo infatti custodisce molte ceramiche medievali, alcuni manufatti dell’area mediterranea, vasellame di vari ritrovamenti provenienti da tutta l’area cittadina, un’esposizione di oreficeria e oggetti preziosi, accompagnati da monete e sigilli medievali. La ricca collezione di codici miniati del XIV secolo è di grande importanza per la ricchezza delle illustrazioni. Il museo custodisce una ricca e importante raccolta di opere d’arte medievale, con capolavori di Nicola Pisano e Donatello. Un’ultima sala ospita più di 200 opere realizzate tra il XII secolo e l’età moderna da artisti quali Giunta Pisano, Simone Martini, Benozzo Gozzoli e Masaccio.

  • Progetto finanziato a valere sui fondi Legge n. 77 del 20 febbraio 2006 “Misure speciali di tutela e fruizione dei siti italiani di interesse culturale, paesaggistico e ambientale, inseriti nella “lista del patrimonio mondiale”, posti sotto la tutela dell’UNESCO”